CaramelloSalato.it
Ricette Primi

Pasta fresca con KitchenAid

A voler azzardare una spicciola previsione, questa settimana è la volta della pasta fresca. Dalla fase di panificatrice compulsiva a quella di pastificio simil industriale è stato un attimo! E così lunedì #mezzemaniche con verdure per il #carbonaraday ieri #maccheroncini di grano saraceno e oggi #bucatini. E menomale che c’è lui, il mio inseparabile Artisan @kitchenaiditaly

Chè se sono nata ai tempi del Pastamatic, oggi è tutta un’altra storia. Facendo bene i conti, smaltirò le altre due trafile tra domani e dopodomani e nel weekend, finalmente, tirerò fuori la sfogliatrice e i tagliapasta.

C’è qualcosa nella pasta fatta in casa che la rende speciale rispetto alla pasta confezionata. Sarà perché l’hai fatta con le tue mani, cioè in realtà con la tua planetaria preferita, ma è talmente soddisfacente da mangiare!

Lunga o corta che sia, la pasta fresca è veloce e facile da realizzare. Tuttavia, l’impasto tradizionale per farla a casa richiede due tipi di farina: circa il 70% di farina di semola e il 30% di farina00. La farina di semola è un po ‘più ruvida della maggior parte delle farine e aggiunge una grana e una consistenza maggiore all’impasto.

Io intanto vado a mettere su la pentola…

Linguine, rigatoni, fettuccine, cannelloni…
Tagliatelle, lumaconi, vermicelli, macaroni…
We will master every pasta till it’s right!

#pastalovers di tutto il mondo #haveagooddinner

Pasta fresca con KitchenAid

Pasta fresca con KitchenAid A voler azzardare una spicciola previsione, questa settimana è la volta della pasta fresca. Dalla fase di panificatrice compulsiva a quella di pastificio simil industriale è stato un attimo! E così lunedì #mezzemaniche con verdure per il #carbonaraday ieri #maccheroncini di grano saraceno e oggi #bucatini. E menomale che c’è lui, il mio inseparabile Artisan @kitchenaiditaly Chè se sono nata ai tempi del Pastamatic, oggi è tutta un’altra storia. Facendo bene i conti, smaltirò le altre due trafile tra domani e dopodomani e nel weekend, finalmente, tirerò fuori la sfogliatrice e i tagliapasta. C’è qualcosa nella pasta fatta in casa che la rende speciale rispetto alla pasta confezionata. Sarà perché l’hai fatta con le tue mani, cioè in realtà con la tua planetaria preferita, ma è talmente soddisfacente da mangiare! Lunga o corta che sia, la pasta fresca è veloce e facile da realizzare. Tuttavia, l’impasto tradizionale per farla a casa richiede due tipi di farina: circa il 70% di farina di semola e il 30% di farina00. La farina di semola è un po ‘più ruvida della maggior parte delle farine e aggiunge una grana e una consistenza maggiore all’impasto. Io intanto vado a mettere su la pentola… Linguine, rigatoni, fettuccine, cannelloni… Tagliatelle, lumaconi, vermicelli, macaroni… We will master every pasta till it’s right! #pastalovers di tutto il mondo #haveagooddinner   Stampa
Porzioni: 4 Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Nutrition facts: calories fat
Voto 4.0/5
( 3 voto/i )

INGREDIENTI

Per l’impasto classico

  • 350g di farina di semola rimacinata di grano duro
  • 150g di farina 00
  • 170/180g di acqua

Per l’impasto verde

  • 350g di farina di semola rimacinata di grano duro
  • 150g di farina 00
  • 30g di spinaci sbollentati e frullati + acqua fino a raggiungere il peso totale di 170/180g

 

ISTRUZIONI

  1. Preparate l’impasto: mettete nella bowl del KitchenAid le farine setacciate e impastate con la frusta a foglia aggiungendo l’acqua a poco a poco fino a completo assorbimento e fino a raggiungere la consistenza desiderata.
  2. Il vostro impasto dovrà essere granuloso e vi sembrerà che ci sia qualcosa che non funzioni e che magari l’acqua sia poca, ma invece è assolutamente normale. L’impasto senza uova, per le trafile, è così, un po’ strano, ma vi giuro perfetto. Non deve essere né troppo umido né troppo asciutto, questo è il segreto! L’importante è NON OTTENERE UNA PASTA LISCIA come quella che si usa con la sfogliatrice, altrimenti non riuscirà nemmeno ad uscire dalla trafila (non perdetevi d’animo se la prima pasta che uscirà sarà piuttosto bruttina è solo perché la trafila ha bisogno di scaldarsi, quindi tagliatela e impastatela di nuovo).
  3. Ho considerato circa 0,35g di acqua per grammo di farina, ma voi regolatevi in base al tipo di farina che utilizzate ed eventualmente aumentate o diminuite la dose: l’importante è ottenere un impasto bricioloso, secco ma morbido.
  4. Montate l’accessorio per la pasta con la trafila scelta e inserite via via pezzetti di impasto poco più grandi di una nocciola.
  5. Man mano che fuoriesce, tagliate la pasta con il filo d’acciaio e sistematela su un vassoio infarinato avendo cura di spolverarla con po’ di farina anche sopra.
  6. Lasciatela riposare giusto il tempo che l’acqua bolle!

NOTE

Se cucinate la pasta non appena la fate, non dovete asciugarla, ma solo tenerla su un vassoio infarinato e cuocerla una volta che l'acqua della pasta bolle. Se desiderate asciugare la pasta, è sufficiente cospargerla di farina e utilizzare uno stendino per asciugarla per 12-24 ore. Poi potete conservarla in un contenitore ermetico a temperatura ambiente. Potete anche congelare la pasta (senza asciugarla), basterà infarinarla leggermente e riporla nel freezer prima su un vassoio, senza sovrapporla e, dopo che si sarà indurita, trasferirla in un sacchetto per alimenti per un mese al massimo.

 

Leggi anche

Lascia un commento