CaramelloSalato.it
Ricette Pane & Co.

Focaccia all’uva fragola

Abbinate un frutto di stagione dal sapore molto dolce e aromatico, l’uva fragola, ad un impasto lievitato semplice e soffice… ed ecco sulla vostra tavola una golosa focaccia… che sa di pane ma che ricorda anche una brioche arricchita di frutta…

E quale miglior ingrediente da utilizzare per una focaccia se non quest’uva dal sapore particolare, che sa un po’ di fragola, appunto… e che per la forma rotonda e la succosità dei suoi chicchi, ricorda i pomodorini utilizzati nella tipica focaccia pugliese!

Ma questa focaccia è un’altra storia…appartiene ad un altro pezzo d’Italia… è un antico lievitato tipico della tradizione toscana, che si preparava durante la vendemmia, quando si andava in campagna per “fare il vino nuovo” e poi di sera, dopo un’intensa giornata di lavoro sotto il sole e tra i filari…ci si riuniva tutti fuori, ancora carichi di energia, ad intonare canti e balli e a degustare cose semplici…come questo pane morbido farcito con l’uva appena raccolta, dolce e succosa! Vederlo arrivare sulla tavola, appena sfornato e con il suo aspetto invitante, metteva allegria e voglia di far festa!

Così…un po’ per ricordare un sapore povero ma autentico della tradizione e…un po’ per golosità, non ho resistito nel preparare questa #ricettad’autuno dolce/salata/lievitata e nemmeno nel rimaneggiarla un pizzico… e per dare all’impasto maggiore umidità, morbidezza e un sapore leggermente acidulo, in contrasto con quello decisamente zuccherino dell’uva, ho aggiunto dello yogurt greco! Il risultato…stre-pi-to-so!

Focaccia all’uva fragola Abbinate un frutto di stagione dal sapore molto dolce e aromatico, l’uva fragola, ad un impasto lievitato semplice e soffice… ed ecco sulla vostra tavola una golosa focaccia… che sa di pane ma che ricorda anche una brioche arricchita di frutta… E quale miglior ingrediente da utilizzare per una focaccia se non quest’uva dal sapore particolare, che sa un po’ di fragola, appunto… e che per la forma rotonda e la succosità dei suoi chicchi, ricorda i pomodorini utilizzati nella tipica focaccia pugliese! Ma questa focaccia è un’altra storia…appartiene ad un altro pezzo d’Italia… è un antico lievitato tipico della tradizione toscana, che si preparava durante la vendemmia, quando si andava in campagna per “fare il vino nuovo” e poi di sera, dopo un’intensa giornata di lavoro sotto il sole e tra i filari…ci si riuniva tutti fuori, ancora carichi di energia, ad intonare canti e balli e a degustare cose semplici…come questo pane morbido farcito con l’uva appena raccolta, dolce e succosa! Vederlo arrivare sulla tavola, appena sfornato e con il suo aspetto invitante, metteva allegria e voglia di far festa! Così…un po’ per ricordare un sapore povero ma autentico della tradizione e…un po’ per golosità, non ho resistito nel preparare questa #ricettad’autuno dolce/salata/lievitata e nemmeno nel rimaneggiarla un pizzico… e per dare all’impasto maggiore umidità, morbidezza e un sapore leggermente acidulo, in contrasto con quello decisamente zuccherino dell’uva, ho aggiunto dello yogurt greco! Il risultato…stre-pi-to-so! Stampa
Porzioni: 8 Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Nutrition facts: calories fat
Voto 5.0/5
( 1 voto/i )

INGREDIENTI

Per due teglie tonde di 26cm

  • 400g farina 00
  • 200g farina 0
  • 170g di yogurt greco al miele
  • 400ml di acqua tiepida
  • 1 bustina di lievito secco
  • 4 cucchiai d’olio evo
  • 1 cucchiaio raso di sale
  • 2 cucchiaini di zucchero

Per il condimento

  • uva fragola
  • zucchero olio evo e pepe nero qb

ISTRUZIONI

  1. Dividete l’acqua tiepida in due parti uguali, in una scioglierete il lievito con lo zucchero e nell’altra aggiungerete l’olio.
  2. Preparate l’impasto: mettete nella bowl del KitchenAid le farine setacciate insieme e iniziate ad impastare con il gancio a bassa velocità aggiungendo l’acqua in cui avete disciolto il lievito e lo zucchero; aggiungete lo yogurt in cui avete amalgamato il miele e continuate a lavorare il composto, poi aggiungete man mano il resto dell’acqua con l’olio ed impastate per 10 minuti; aggiungete solo a questo punto il sale ed amalgamate ancora per circa 5 minuti.
  3. Otterrete un composto molto morbido, piuttosto appiccicoso ma non liquido, che lascerete nella bowl; coprite con pellicola e poi con un panno di lana e fate lievitare nel forno spento per un’ora.
  4. Nel frattempo, preparate il condimento: sciacquate l’uva fragola, incidetela a metà, togliete i semini, mettetela in una ciotola e condite con 1 cucchiaio di zucchero e una spolverata di pepe nero. Mescolate e lasciate insaporire.
  5. Ungete bene teglie e mani, quindi prelevate l’impasto lievitato e dividetelo in due parti uguali. Senza sgonfiarlo, stendetelo fino ai bordi, aiutandovi con i polpastrelli quasi a massaggiarlo, facendo attenzione a non schiacciarlo per non perdere le bolle della lievitazione.
  6. Distribuitevi sopra l’uva fragola con la parte incisa in giù e fatele incorporare all’impasto facendo una lieve pressione, coprite con una teglia più grande (o un foglio di carta forno), un panno e poi con una coperta e fate lievitare un’altra ora circa, fino a quando la focaccia non avrà raggiunto il bordo della teglia.
  7. Condite in superficie con il liquido di macerazione, un filo d’olio, pepe e cuocete la focaccia in due fasi: prima infornate a 220° nella parte bassa del forno per circa 15 minuti, in modo tale che la base diventi croccante e fragrante e fino a quando non vedete la focaccia che si stacca dalle pareti della teglia, poi trasferitela nel ripiano centrale e abbassate la temperatura 180/200° per circa 10/15 o finché sarà di un bel colore ambrato.
  8. Sfornate e spennellate subito la superficie con il liquido di macerazione rimasto al quale avete aggiunto un cucchiaino d’acqua.
  9. Lasciate intiepidire e servite a fette… magari accompagnandola con del prosciutto crudo di Parma.

NOTE

Se non consumate la focaccia subito, conservatela nella stessa teglia avvolta con la pellicola e vedrete che la presenza dello yogurt nell'impasto servirà a mantenerla morbida.

Leggi anche

Lascia un commento